13.jpg

Awareness raising event a Linguaglossa

MEDPEARLS Awareness raising event a Linguaglossa Sicilia

Giovedì 20 febbraio si è svolto con successo di pubblico a Linguaglossa (CT) presso la Proloco, location tra le più suggestive della città, l’evento di awareness raising, dedicato al progetto MEDPEARLS, del Bando ENI CBC MED 2014-2020, di cui la DMO Mediterranean Pearls Italia è partner con altre 5 nazioni del Mediterraneo (Spagna, Egitto, Palestina, Giordania e Grecia).
DMO Mediterranean Pearls ha selezionato in Italia due aree pilote; in Sicilia la Valle dell’Alcantara e nel Lazio, il territorio della Sabina Reatina. Alla presenza dell’assessore al Turismo di Linguaglossa Cettina Cacciola e del Presidente della Pro Loco Franco Maugeri, il Presidente di Mediterranean Pearls Roberto Greco ha illustrato gli obiettivi del progetto, dalla durata di 36 mesi e che porterà alla creazione di 26 destinazioni turistiche da fruire in mobilità dolce e in forma di turismo attivo, slow, enogastronomico.
Massima e fattiva collaborazione ricevuta dal Comune di Linguaglossa che ha una posizione strategica nella Valle dell'Alcantara e in tutto il territorio etneo, per il quale l’Assessore Cacciola si è impegnata a favorire l’iter del consenso del progetto sul territorio, che ben si presta a forme di turismo slow. Ha chiuso l’incontro il Segretario Generale di Mediterranean Pearls Debora Sanna, illustrando gli aspetti della promocommercializzazione internazionale dei pacchetti turistici che andranno realizzati nell'area pilota della Valle Alcantara e le azioni di cross -selling fra l’Italia e i paesi partners.
A suggello del proficuo incontro, è stato offerto ai numerosi partecipanti un pranzo tipico della tradizionale cucina siciliana, nel particolare la “cucina mutticiana”, realizzata dall'associazione culturale di Le Mamme del borgo di Motta Camastra, che da anni svolgono eventi di social eating, nel solco di eccellenti tradizioni culinarie e prodotti della terra di alta qualità, creando durante l'anno momenti di convivialità e socialità nei piccoli borghi, dislocati fra il Parco fluviale dell'Alcantara, dei Monti Nebrodi e del Parco dell’Etna. Questo nell’intento di arginare fenomeni di spopolamento dei borghi di montagna della Valle dell’Alcantara.

Questo sito può avvalersi di cookie tecnici, anche di terze parti,  necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Non vengono usati cookie di rilevamento.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.