07.jpg

Petit Tour nei paesaggi sotterranei italiani

Fresco di stampa il nuovo reportage fotografico documentaristico del Presidente di Mediterranean Pearls, M. Debora Sanna che esplora con la fotografia la convivenza fra paesaggio e passaggi permanenti di archeologia industriale, da offrire al viaggiatore curioso, sempre più in cerca di contenitori e di contenuti di relazioni ed esperienze in vacanza. Il volume è stato realizzato con il contributo e il patrocinio del MIC - Ministero della Cultura Direzione Generale Educazione, Ricerca e Istituti Culturali. Con il contributo scientifico di ReMi - Rete Nazionale dei Musei e Parchi Minerari - ISPRA.

Petit Tour nei paesaggi sotterranei italiani
Collana I Book di Mediterranean Pearls
Brossura filo refe - 192 pagine
ISBN 9791221003642
Ordinabile fino a esaurimento scorte scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. al costo di 30 € più spedizione (piego di libri).
Leggi la prefazione di M. Debora Sanna

PAESAGGI, ESTETICA DEL SUBLIME INDUSTRIALE E VITA MATERIALE

Cercavo qualcosa di non transitorio. Cercavo tracce di permanenza, stralci di incanto del paesaggio post-industriale. Cercavo l’estetica del sublime industriale che sapevo potesse però offuscare la comprensione della realtà della vita mineraria, non sostenibile. Ho cercato terre minate dal carbone e oggi diventate un tutt ’uno con un paesaggio multifunzionale integrando aree protette, aree di conservazione e aree coltivate con una varietà di usi della terra per sostenere uno sviluppo sostenibile delle ex miniere. Pozzi così alti da essere un azzardo, che sfidano il cielo e sembrano torri d’avvistamento messe lì a difesa dei villaggi costrui per i minatori. Occupano uno spazio in orizzontale, e scalano il cielo come Prometeo. E lui, il minatore come il Teseo che sposta le rocce, forse cercava una via di uscita oppure una ragione per rimanere. Dentro i musei minerari ho fotografato qualche stralcio di pace nella sua vita agra, mentre si toglie la polvere di dosso a fine turno, con l’orgoglio forse, di dare luce alle piccole perle nascoste nel più profondo buio che esista. Aveva una vita dura, limitante e fastidiosa. L'ho visto seduto su un sedile, piegato costantemente sul flusso di minerale che passava, le mani che diventano presto tagliate e sfregiate dai pezzi taglienti dei minerali, le unghie consumate dal contatto con lo scivolo di ferro. L'aria che respirava era tanto e troppo satura di polvere, il demolitore ferocemente caldo in estate e intensamente freddo in inverno.

M. Debora Sanna: Petit Tour nei paesaggi sotterranei italiani

Fisicamente lavorare nelle miniere è duro, ma la vera sfida è psicologica. Il minatore lascia il mondo esterno alle spalle quando entra nel villaggio minerario. Tutto può succedere a un minatore che si preoccupa della sua famiglia e di altre cose, ma presto in miniera si è capaci di dimenticare tutto della propria vita familiare. La fuga dalla realtà delle sue condizioni era nella corrispondenza con casa, nel villaggio/comunità costruito dal proprietario, a un tavolo da gioco, su un campo di bocce, e quei sabati sera con una bottiglia di vino, cercando di creare una parvenza di affettuosa comunanza.
Questa è una narrazione colta per accogliere con entusiasmo la costruzione di itinerari verso luoghi minerari, in armonia con il paesaggio che li ospita. Percorsi visivi tematici, che permettono al viaggiatore di comprendere ed apprezzare il valore delle opere di archeologia industriale. Oggi questi territori sono caratterizzati da un paesaggio particolare, che sembra essere dominato dal movimento della terra. Le colline, i sentieri e i modelli di utilizzo sono cambia negli ultimi anni, il che ha persino ispirato la strategia di riparazione del paesaggio. L’industria produce storia, le macchine si sviluppano e gli uomini crescono insieme a loro. È stata un’occasione unica per osservare paesi nel passaggio da un passato medievale a quel futuro industriale minerario che oggi non c’è più. Se l'esperienza umana può essere considerata una manifestazione di sogni e desideri, le miniere possono essere pensate come la fonte della materia prima di quell'esperienza. Con i minerali ricchi di terre rare sono realizzati gli oggetti del nostro desiderio collettivo: le auto che guidiamo, gli smartphone che usiamo, le case che ci danno riparo e comfort e, un flusso infinito di beni.

M. Debora Sanna: Petit Tour nei paesaggi sotterranei italiani

Ho cercato una civiltà che ha lasciato nella scia del suo progresso una terra aperta e svuotata. Ho cercato e trovato la rigenerazione territoriale che rivisita il passato, condivide il presente e costruisce il futuro. Al centro di questo lavoro c'è sempre il paesaggio italiano, che diventa motore sociale, economico, spaziale e narrativo di future e ricche auspicate rigenerazioni territoriali. Cercavo e pensavo di non trovare niente e invece ho trovato tanto.

M. Debora Sanna - Presidente Mediterranean Pearls

Questo sito può avvalersi di cookie tecnici, anche di terze parti,  necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Non vengono usati cookie di rilevamento.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.